Tutte le novità del mondo creativo e della produzione pubblicitaria nel blog di Abc Production

The Point Newsletter

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error.

Follow Point

Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  /  Advertising   /  La vita oltre lo schermo

La vita oltre lo schermo

Chiunque lavori nel digitale ha utilizzato almeno una volta WeTransfer, probabilmente il servizio di trasferimento file più conosciuto, efficiente, semplice da utilizzare e affidabile attualmente in circolazione.

Essendo un brand “digitale” per eccellenza, ha destato stupore la sua nuova campagna video che invita le persone ad allontanarsi dal computer e tornare a vivere nella vita reale, l’unica realtà dove è possibile trovare nutrimento per se stessi e per la propria creatività.

Lo spot, prodotto da Stink Studios, è distribuito su Hulu, Reddit, Pandora, e fa parte della campagna del decimo anniversario del brand.

Il video si intitola “Please Leave” e ci mostra quanto WeTransfer sia utile per inviare, catalogare, archiviare e salvare tutte tue idee creative, i materiali che raccogli e i tuoi lavori, ma ti ricorda che per continuare a lavorare e creare, hai bisogno di lasciare da solo il tuo computer e tornare alla vita reale, da dove viene la tua ispirazione e tutti gli stimoli necessari a farla nascere.

Lo spot dura 60 secondi ed è costruito attorno a una poesia recitata dall’autrice femminista Roxane Gay che ci ricorda che i nostri devices sono solo il mezzo con cui lavoriamo, non un mondo in cui vivere.

WeTransfer non solo cerca di ispirare la sua community di creativi, ma li sfida affinché inizino a dedicare meno tempo a condividere online le loro idee e più tempo a crearle.

Hai mai pensato all’altra te? La te stessa che senti più vera. Cosa diresti se ti vedessi sprecata, bloccata online, inspirando contenuti ed espirando il tuo tempo

“Siamo nel mezzo di una trasformazione globale che influenza anche il modo un cui le persone si relazionano al loro lavoro e ai loro progetti creativi” – afferma Damian Bradfield, CMO e Presidente di WeTransfer – “Prove, interruzioni, pubblicità e data mining hanno reso i nostri strumenti digitali più un peso che una soluzione. Più tempo passano le persone in un ecosistema tecnologico, minore è il tempo che trascorrono nel mondo a cercare ispirazione. Il poema che sta alla base della nostra campagna lo dice bene: “quando sei qui, non ci sei” – e questo avviene a prezzo della creatività, delle relazioni interpersonali e del contatto con la realtà. Il messaggio è semplice: esci dallo schermo del tuo computer e fai accadere le cose.”

La provocazione è tutta in questa domanda: Quali idee riusciremmo a trovare se venissimo liberati dai nostri devices?