Tutte le novità del mondo creativo e della produzione pubblicitaria nel blog di Abc Production

The Point Newsletter

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error.

Follow Point

Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  /  Advertising   /  Dalla nicchia alla massa il passo è green

Dalla nicchia alla massa il passo è green

C’erano una volta i brand di nicchia che avevano una produzione ridotta e parlavano a una minoranza di persone fedeli. A quei tempi la massa era ancora inconsapevole dell’imperativo green che stava per abbattersi su di lei e guadava con sospetto al biologico, non sapeva cosa fosse il biodinamico ed era convinta che per avere dei buoni prodotti bastasse acquistare quelli pubblicizzati in TV (e su questo non è molto cambiata).

Poi sono arrivati i primi prodotti light, integrali e, in ultimo, quelli biologici. Le pubblicità hanno iniziato a parlare di salute, dieta equilibrata, vita sana e l’attenzione si è alzata, i prodotti green e salutari sono aumentati, i prezzi si sono abbassati e le vendite sono aumentate.

E così alcuni brand sono passati dallo scaffale del negozio bio di quartiere alla grande distribuzione e sono diventati famosi.

Se negli anni ’80 e ’90 la massima espressione di salute era data dalla lotta al sovrappeso, oggi si sogna una vita green che regali non solo salute e peso forma, ma anche benessere mentale e una migliore qualità di vita. Il cibo è salito di grado e, da nutrimento del corpo, è passato ad avere la responsabilità del nostro equilibrio.

Ma l’ondata green non si è certo fermata al reparto alimentari, si è diffusa in ogni ambito lifestyle: dal fitness all’abbigliamento, fino alle vacanze.

Ancora piuttosto debole in Italia il segmento legato alle scelte di consumo green molto sentito all’estero, soprattuto nel nord Europa. Un esempio molto italiano è la quantità di acqua in bottiglie di plastica che ogni giorno vengono vendute mentre la pubblicità della stessa acqua parla di salute, purezza, ambiente e equilibrio.

Qualche esempio virtuoso c’è, ma sono ancora troppo pochi e il consumatore non è ancora sufficientemente interessato da far cambiare i trend di mercato. Speriamo che i brand che si sono buttati nel grande mercato del green sappiano trasformare un trend in una nuova consapevolezza facendo di necessità virtù.