Tutte le novità del mondo creativo e della produzione pubblicitaria nel blog di Abc Production

The Point Newsletter

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error.

Follow Point

Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  /  Advertising   /  People matter, parola di Annie Leibovitz

People matter, parola di Annie Leibovitz

In pubblicità tutto deve essere bellissimo, perfetto, pulito, ordinato, luminoso e inattaccabile. Anche le pubblicità che puntano sulla naturalità spesso cadono nel tranello del desiderio di perfezione a tutti i costi, con un effetto ridicolo e ancor meno naturale delle pubblicità tradizionali.

La naturalità in pubblicità è una grande scommessa che pochi possono permettersi di portare fino in fondo. Le persone (i consumatori) vogliono sognare, è vero, ma sono sempre più sensibili alla bellezza nascosta nel “quotidiano” e nel “normale“. Anche se sembra un paradosso, l’esigenza di verità in pubblicità e in comunicazione è una sfida molto più dura di quanto si possa immaginare.

Per vincere questa sfida bisogna affidarsi alle mani esperte di chi della naturalità ha fatto la sua firma e Trinet, un’azienda specializzata in HR per piccole e medie imprese, si è affidata a Annie Leibovitz, la fotografa statunitense i cui ritratti sono famosi in tutto il mondo (se non la conoscete, fate una piccola ricerca su Google e ve ne innamorerete).

La campagna People Matter è nata proprio con l’intento di dare un volto ai lavoratori, mostrandoli alle prese con il lavoro e la vita di tutti i giorni. Nessun set particolare e nessun imbellettamento: la Leibovitz arrivava sul luogo di lavoro e scattava. Il risultato è sorprendente.

 

Ma per scattare fotografie così non basta una macchina fotografica. Se la pubblicità esige professionismo, la pubblicità “al naturale” ne vuole ancora di più e non tutti possono permettersi di scritturare Annie Leibovitz.