Tutte le novità del mondo creativo e della produzione pubblicitaria nel blog di Abc Production

The Point Newsletter

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error.

Follow Point

Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.
  /  Advertising   /  Perché Netflix investe molto in campagne offline

Perché Netflix investe molto in campagne offline

La promozione di qualsiasi tipo di prodotto e di servizio oggi passa per il web dove, con una campagna ben studiata, è possibile raggiungere il target desiderato, con risultati sorprendenti, grazie anche alla possibilità dell’acquisto contestuale diretto.

Questo modo di fare pubblicità ha rivoluzionato anche la pubblicità offline e quella televisiva che hanno dovuto ideare strategie nuove per colpire un pubblico molto più orientato alla fruizione di contenuti online. Il discorso, naturalmente, può cambiare anche molto radicalmente a seconda del prodotto/servizio e del target, ma vale per tutti.

Netflix, per esempio, è probabilmente il canale di streaming online on demand più conosciuto e più utilizzato nel mondo, con un’offerta originale di film, documentari e serie di grande qualità.

Tra le migliori serie prodotte da Netflix, oltre a House of cards (la prima serie prodotta da Netflix), anche le famosissime Orange is the new black, Narcos, Stranger Things, The OA,  Altered Carbon e le stagioni 3 e 4 di Black Mirror.

Nata nel 1997 come attività di noleggio DVD, dal 2008 diventa un canale di streaming online on demand su abbonamento, trasformando il suo campo d’attività principale. Dal 2010, espande l’offerta in altri paesi e inizia a produrre serie originali Netflix (la prima è la pluripremiata “House of cards” con Kevin Spacey), iniziando una rapidissima ascesa che lo porta a raggiungere i 50 milioni di abbonati nel 2014. Da gennaio 2016 Netflix ha reso accessibile il servizio di streaming in oltre 190 paesi raggiungendo 74 milioni di abbonati. Nel 2018 Netflix diventa leader del settore con oltre 93 milioni di abbonati e 8.3 miliardi di ricavi e utili pari a 188 milioni.

Ma cosa porta Netflix a continuare a investire ingenti somme in pubblicità offline? Il motivo principale è dato dal desiderio di raggiungere anche l’audience che cambia canale quando inizia la pubblicità in tv, usa un AdBlock durante la navigazione internet o è talmente ammorbato dalle pubblicità cartacee su quotidiani e riviste che non le degna più di attenzione.

Ecco perché per Netflix è ancora così importante investire nella pubblicità offline e lo fa con campagne molto creative e particolari che si fanno notare da tutti, anche da chi è ormai assuefatto.

A Milano, per esempio, non era possibile non notare le pensiline dei tram ricoperte di fiori che sono state allestite per la promozione di Annientamento (Annihilation), l’ultimo film prodotto da Netflix e basato sull’omonimo romanzo scritto da Jeff VanderMeer, primo capitolo della trilogia dell’Area X. Oppure i corpi umani sotto vuoto a grandezza naturale per la promozione della serie originale Altered Carbon (che non ha avuto molto successo, ma per altre ragioni).

È recente la notizia che Netflix ha deciso di offrire 300 milioni di dollari per una campagna di affissioni con la compagnia Regency Outdoor Advertising di Los Angeles che detiene importanti spazi pubblicitari nei punti più interessanti di Los Angeles. Netflix non è l’unica compagnia ad aver fatto un’offerta per aggiudicarsi questi spazi, quindi questo investimento non è ancora deciso. Rimane la certezza sulle ingenti somme che Netflix continuerà ad investire nelle campagne offline.